Menu

Come smettere di drogarsi da soli

8 Maggio 2019

Smettere di drogarsi da soli è sicuramente molto complesso, soprattutto perchè una delle principali difficoltà è proprio quella di riconoscere di avere un problema o una dipendenza dalle sostanze. Questo articolo fa riferimento sia alla dipendenza dalle sostanze d’abuso – dalle più conosciute: marijuana, cocaina, eroina, fino alle sostanze stimolanti ed allucinogene –  sia a dipendenze di natura diversa, quali ad esempio il gioco d’azzardo, internet, il fumo, l’alcol.

Anche se vi sono specificità differenti, alcuni meccanismi che andremo a sottolineare sono riconducibili a qualsiasi tipologia di dipendenza, con o senza sostanza.

Il ruolo della famiglia

Troppo spesso è proprio la mancanza di consapevolezza che conduce il soggetto all’abuso e di conseguenza a scivolare rapidamente in una condizione di totale dipendenza da sostanze o alcol. 

La famiglia può giocare un ruolo chiave poiché i segnali d’allarme possono arrivare dai propri genitori, dal partner o oppure dagli amici, in grado di accorgersi in prima battuta dei cambiamenti a livello d’umore oppure anche fisici e comportamentali. Questi segnali d’allarme sono molto importanti perché permettono di allertare in tempo la persona e di aiutarla a rientrare in una condizione di normalità prima che insorga una patologia.  La famiglia ha un ruolo fondamentale anche nel momento in cui la dipendenza è più sviluppata in quanto può aiutare il soggetto a sentirsi maggiormente motivato a seguire uno specifico programma terapeutico o di psicoterapia.

Uscirne si può!

La prima idea di fronte alla tossicodipendenza è quella che uscirne sia impossibile; spesso chi sta abusando di sostanze avverte tale sensazione a livello inconscio e proprio a causa di tale forma di autoinganno il consumo di sostanze viene reiterato. Per questo motivo è fondamentale mettere in primo piano l’aspetto motivazionale, ovvero quella spinta che la persona sente o deve costruire internamente per uscire dal tunnel della sostanza. Durante i percorsi di psicoterapia o presso il servizio per le tossicodipendenze questo è il primo stepche viene affrontato ed è fondamentale, in quanto solo se la persona vuole veramente uscire dal tunnel e smettere di drogarsi, consumare sostanze o affrancarsi da qualsiasi altra forma di dipendenza (es. gioco, alcol, internet) sarà possibile guarire realmente. 

Un paziente racconta questa motivazione come il momento in cui ha iniziato a voler scoprire nuovi aspetti di se stesso rispetto alla vita in generale: prima per vivere – o meglio per sopravvivere – aveva bisogno dell’eroina, poi quando ha iniziato ad intuire che le sue caratteristiche di personalità e di sensibilità erano differenti e lo spingevano a cercare un rapporto positivo con chi gli stava intorno, ha capito chi era veramente e cosa voleva dalla vita. A questo punto non c’era più spazio per le sostanze, la sua motivazione era quella di essere se stesso in ogni situazione ed in ogni momento dellapropria esistenza.

La terapia

Sicuramente riuscire a smettere di fare uso di sostanza da soli è complesso e spesso un aiuto dall’esterno è fondamentale e necessario. Se il processo di consapevolezza sopradescritto non avviene in maniera autonoma o se la motivazione manca o è troppa poca per cercare di smettere e provare ad uscire dalla dipendenza, allora il primo possibile intervento è quello di iniziare un percorso di psicoterapia

La terapia si deve associare ad un più ampio intervento che possa coinvolgere anche la famiglia, gli aspetti sociali e ricreativi della persona, così come gli aspetti medici. Molto spesso durante i percorsi che svolgo nel privato collaboro con cliniche private per favorire una migliore disintossicazione del paziente oppure con il Servizio per le Tossicodipendenze, in maniera da favorire una migliore riuscita del percorso di recupero. 

La terapia breve strategica è una delle forme di psicoterapia particolarmente indicate per aiutare il soggetto a prendere consapevolezza delle problematiche di dipendenza e a sbloccarle, in modo tale da favorire un percorso di cura quando la persona da sola non riesce a trovare soluzioni funzionali che gli consentano dismettere di drogarsi. Contattami per avere maggiori informazioni o chiamami al 340.41.90.915.

Categorie:

Tag: dipendenza da alcol, dipendenza da cannabis, dipendenza da cocaina, dipendenza da droghe, dipendenza gioco d'azzardo

Torna al blog
Condividi:

Ti aiuterò a superare i disagi e le crisi in tempi brevi, ricevo su appuntamento a Padova, Vicenza, Treviso e Rovigo.


Ricevo su appuntamento a:

Padova

in Riviera Tito Livio, 36 Fermata Tram Livio

Mappa

Rovigo

presso CoopUp Rovigo - Coworking, formazione e incubatore d'impresa in Viale Porta Adige, 45/G, 45100 Rovigo RO (appuntamento solo su richiesta)

Mappa