Menu

Pensiero laterale: cos’è e perché in questo momento potrebbe esserci utile

24 Marzo 2020

Il pensiero laterale è la capacità di risolvere un problema attraverso il cosiddetto “approccio indiretto” ovvero affrontadolo da angolazioni diverse, in modo da poterlo prendere in esame in maniera differente e più approfondita. Perché parlare oggi di pensiero laterale? Credo che dobbiamo provare ad affrontare questo momento storico da punti di vista innovativi. Siamo sotto pressione, in crisi ed emergenza. E allora perché, visto che è possibile, non cercare nuovi stimoli, nuove abitudini, battere strade che finora non avevamo neanche considerato? Bene, questa modalità che ho appena descritto è proprio il pensiero laterale: la capacità di vedere la realtà da punti di vista diversi, innovativi. L’articolo mira ad aiutarvi a capire e a ragionare maggiormente su voi stessi, scoprendo alternative e favorendo una maggiore flessibilità di pensiero. 

Il pensiero laterale

Edward De Bono è senza dubbio il fondatore di questo concetto. All’interno di uno dei suoi più famosi libri: “Sei cappelli per pensare” ci illustra l’importanza di dare un vero e proprio segnale a noi stessi. In maniera intenzionale ed operativa, dobbiamo sforzarci di assumere una posizione di pensiero differente dalla nostra solita. Nello specifico, De Bono illustra sei differenti “cappelli” o modalità attraverso le quali noi possiamo pensare in maniera specifica. 

Il cappello bianco riguarda la modalità di pensiero razionale, il riassunto dei fatti, dei numeri e dei dati oggettivi. Il cappello rosso esprime il punto di vista emotivo, quello nero gli aspetti negativi, il giallo la speranza e i pensieri positivi, il verde la creatività ed il blu il controllo del processo di pensiero. 

L’utilità di assumere diverse posizioni di pensiero è indubbia. Spesso siamo cristallizzati nella nostra prospettiva, senza riuscire a vedere le cose diversamente. Noi occidentali preferiamo lo scambio dialettico per affrontare qualsiasi tipo di discussione. Il convincere l’altra persona è quasi una necessità. Usando però prospettive differenti di pensiero possiamo essere elastici, vedere la stessa realtà da punti di vista differenti, usare il pensiero come una risorsa e non come un limite. 

Pensiero laterale e situazioni di emergenza

Voglio provare a dare una dimostrazione di questa tecnica proposta da De Bono applicandola alla nostra situazione di crisi dovuta al Coronavirus. Userò i sei cappelli per esaminare quello che sta accadendo da diverse prospettive.

Vestendo il cappello bianco razionale emerge ancora di più la situazione di emergenza. I bollettini quotidiani sono impietosi e non lasciano troppo spazio a pensieri positivi. Ad oggi la curva di decessi e di persone contagiate è ancora in fase ascendente e non accenna a diminuire, quindi la situazione non può essere definita come rosea. 

Il cappello rosso delle emozioni mi permette di vivere e guardare a questa situazione in maniera differente. Se da una parte cresce la paura di poter essere infettati, dall’altra c’è un’energia di rivalsa e la voglia di superare in fretta questo momento. 

Il cappello nero è quello del pessimismo, degli aspetti negativi, sicuramente legato alla sfera lavorativa, al rallentamento della sfera economica, alla chiusura di tantissime attività e ovviamente alle tante morti giornaliere che fanno soffrire l’intero Paese. 

Il cappello giallo esprime l’ottimismo, mi fa pensare che forse non tutto viene per nuocere e che anche quello che sta succedendo può aiutarci a vedere finalmente le cose in maniera diversa. Ne è un esempio la riduzione di inquinamento in molte città italiane e la riscoperta della solidarietà in campo sociale (ad es. le tante donazioni ad ospedali e Protezione Civile e la risposta dei medici che accorrono in massa all’appello delle Autorità, ben sapendo i gravissimi rischi cui possono andare incontro). 

Il cappello verde mi stimola a nuovi progetti, nuove possibilità che possono svilupparsi nel lavoro (ad esempio l’utilizzo futuro dello smart working), nella vita privata (maggiore attenzione alle esigenze della famiglia e dei figli) e nel contesto sociale più ampio.

 Il cappello blu deve aiutarmi a mettere insieme tutti questi aspetti, consentendo una riflessione su come organizzare e pianificare i nuovi obiettivi emersi dalle riflessioni precedenti. 

Provare per credere

In una situazione delicata come questa riuscire a gestire il pensiero senza i nostri filtri non è semplice. Tuttavia vi chiedo di provarci e prendendo i sei cappelli che vi ho descritto, di immdesimarvi nelle varie prospettive, in modo da osservare lo stesso fenomeno da punti di vista differenti. Non necessariamente e solo per quello che riguarda l’emergenza attuale, ma anche per qualsiasi altro fenomeno evento o preoccupazione della vostra vita.

Pensiero laterale e problem solving

In realtà il pensiero laterale è una forma di Problem Solving che utilizza l’approccio di guardare al problema da diverse angolazioni, cercando punti di vista alternativi alla tradizionale logica sequenziale. La differenza tra i due approcci consente di superare la rigidità di un modello classico e di esaltare il pensiero creativo, mescolando in maniera anche improvvisata e casuale i dati, le ipotesi, le certezze assunte come assolute. 

La Terapia Breve Strategica (che comprende tecniche di Problem Solving) è una forma di psicoterapia che aiuta la persona a sbloccare la sua realtà problematica e a vedere la sua vita in maniera differente, agendo sui filtri che ci fanno vedere la realtà in maniera distorta. Se vuoi saperne di piacere scrivimi una mail a: studio@guidodacutipsicologo.it oppure chiamami al 340.41.90.915.

Categorie: ,

Tag: coronavirus, pensiero laterale, problem solving strategico, Terapia Breve Strategica

Torna al blog
Condividi:

Scarica il mio e-book

Ansia e paura

Breve guida sulle diverse patologie fobiche
e sulle strategie per superare ansia e panico.

Compila il seguente modulo per ricevere l’e-book

Ti aiuterò a superare i disagi e le crisi in tempi brevi, ricevo su appuntamento a Padova, Vicenza, Treviso e Rovigo.


Ricevo su appuntamento a:

Padova

Via del Commissario, 42 35124 Padova PD

Mappa

Rovigo

presso CoopUp Rovigo - Coworking, formazione e incubatore d'impresa in Viale Porta Adige, 45/G, 45100 Rovigo RO (appuntamento solo su richiesta)

Mappa

Contattami su Whatsapp